UNA CAFA TUTTA PER NOI

Mentre il Giuseppe Re (è salito di grado) pensa al benessere di noi tutti, essendo Egli l’unico e il solo detentore della sovranità, vediamo come passano il tempo in casa i condottieri del popolo.

SALVINI. Il difensore dei confini è in crisi: difficile che, con le strade controllate, qualche ladro possa entrare in casa sua, giustificando un omicidio per legittima difesa. Il suo fucile si usurerà, fino a diventare inservibile in tempi normali, quando finalmente tutti potranno tornare alle amate libertà di difendersi in casa dal figlio che torna ubriaco e quindi poco riconoscibile.

RENZI. Rignano sull’Arno è una splendida località, ma san Matteo protettore del libero mercato è depresso: i dentisti sono aperti solo per urgenti motivi. Dovrà così rinviare il tanto agognato intervento medico per fini estetici. Quello di riparazione dei dentini da latte che tanto ostacolando la sua fervida attività intellettuale.

ZINGARETTI (HAFTAGIORESTOACAFA). Il bonario fratello di Montalbano, salumaio nelle fattezze e pompiere nelle parole (a saliva che erutta a ogni FRAFE, se adeguatamente calibrata, potrebbe spegnere gli incendi in Australia), ha capito perché uno Zingaretti che si rispetti non deve mai alterarsi con lo spritz a Milano: il coronaviruF lo ha scosso. Ma Egli lotta con noi.


- Daniele Ballerini